The Communist Manifesto illustrated. Intervista a George S. Rigakos ideatore della graphic novel

Nel 2010 la casa editrice canadese Red Quill Books ha pubblicato il primo capitolo di The Communist Manifesto illustrated; una graphic novel basata sul Manifesto del Partito Comunista scritto da Marx ed Engels nel 1848. Dopo l’uscita di “The Bourgeoisie” e “The Proletariat”, nel 2015 è stato pubblicato il quarto e ultimo volume “The Communists”.
Abbiamo intervistato George S. Rigakos (Professor of the Political Economy of Policing presso la Carleton University di Ottawa), ideatore del fumetto e fondatore della casa editrice.

Il basso il testo dell’intervista tradotto in italiano.

Who had the idea to re-imagine the Communist Manifesto as a graphic novel?

Rigakos: It came to me while I was trying to explain the concept of class war to a friend. It occurred to me that some of the themes in the Manifesto would easily lend themselves to a comic book format.  You have a villainous group.  You have a backstory about how the two adversaries – the bourgeoisie and the proletariat – came into being.  You have exploitation, violence and then, of course, liberation and the champions for a better world – the communists.  The pamphlet, to me, was ripe for a comic book adaptation. And, of course, the goal was to communicate the basic ideas in order to get students interested in the work of Marx.

Is it the first experiment of this nature?

Rigakos: No. There is a history of comic books being adapted from radical works or biographies.  For example, there are now a number of comic book biographies on Che Guevara, there was a Spanish comic book adaptation of Das Capital.  Red Quill now has a Manga version of Capital.

Why a graphic edition? Who is the audience of this work?

Rigakos: Students mainly.  But also those who simply enjoy the comic book format for communicating ideas.  Many people pick up the comic book and say “this is cool” and the next thing you know they’re reading Marx.  Remember, we did not alter the text.  We simply edited and moved bits around.  So, it’s an introduction. In the combined edition we also have the full text of the Manifesto included.

How many copies did you sell until this moment?

Rigakos: It’s our best seller for sure.  Of course, we get orders from all over the world.  Sometimes comrades and labour organizations who simply want to give their friends or members a cool gift call us around Christmas.   I recently found out that Black Lives Matter activists in Brooklyn were using the comic book to introduce people to to the work of Marx.  That’s an amazing feeling. I was so happy to hear that.

I think that there is a political necessity underlying your work; what is it? Which themes did you emphasize?
Rigakos: The necessity is the nature of the current crisis and the real lack of a vision for an alternative future.  The Bolshevik application of Marx has been widely discredited for good reason but are we to completely give up on discussions of programmatic change?  There is a resurgence of interest in alternative politics. Marx has to be part of that discussion.  Thematically, therefore, revolution plays an important role in the imagery of the illustrated manifesto because it does so in the original and  because it is prescient now.

The Communist Manifesto is one of the most popular books in the History. The text is as explosive as it is simple and pragmatic. What method of work did you use to write the script? Was it difficult to transfer its essence in a graphic novel?

Rigakos: Creatively, I don’t think it was all that difficult for me.  As I said the book easily lends itself to this adaptation.  It was actually fun.  The tension was more political.  What do you emphasize, de-emphasize?  How do you introduce ideas and what do you leave out for the Appendix which will come at the end?  There are many people around the world that would make different decisions.

You modernized the text. What is the structure of the book? What was the more difficult Manifesto’s passage that you had to convert into a graphic novel?

Rigakos: The process was straightforward.  I lifted text that I thought was emblematic of the message and that lent itself to graphic representation.  I then set about thinking through the ordering to construct a narrative without re-writing the text.  In the end, I went with four parts: Historical materialism; the Bourgeoisie; the Proletariat; and The Communists. It was difficult, however, to convey through a single image the centuries of capitalist and pre-capitalist exploitation that led to communistic emancipation.  There was much back and forth with Victor Serra, the illustrator, but I’m proud of the finished product.

At the beginning Marx cries in front of his own tomb reading about supposed crimes committed in the name of Communism. Do you think that they can’t save anything of the socialist experiences? I’m thinking of Fidel Castro, for example.

Rigakos: Is he crying?  He is lamentful, thoughtful, but offers no answer for our old revolutionary who is losing faith and comes to visit him.  This is because the revolutionary’s path is his own to reconcile. I think there is much to be learned from the failings of whatever you call what took place under the guise of so-called communism and we cannot ignore the oppression of the state and the new class dimensions that emerged.  But yes, I agree with most today that these failures must be learned from and a new application considered.  What happens after Castro?  How do you transition out of a system that has important merits but that nonetheless muzzles its people?  Without engaging with Marx, I believe you will be left to corporate vultures and economic hit-men who will descend on Cuba once again to pick it apart and immiserate the people.  What do you do instead of Austrian School economics, instead of more neoliberalism, more austerity?  There is no answer outside of Marx.

What can you tell us about the illustrator Red Victor / Victor Serra? Why did you choose him?

Rigakos: He’s amazing.  He originally worked at an Argentinian agency and we have had a great working relationship.  I like his style and his attention to detail.  When I sent him image ideas he would sometimes reject them because they lacked authenticity. “That model of car was not widely used in Russian until ten years later” – that type of thing that nobody else might notice.  This gave me great confidence.  He took pride in his work and it showed.  The more we worked together I became far less prescriptive and was happy allowing him to make creative choices.

Red Quill Book is an editorial collective, how does it work? What are you working on in this period?

Rigakos: We are always looking for new proposals. They have to be right for us.  There are lots of places to publish.  We continue to publish critical academic books and radical comics.  This is what we are known for and I don’t see that changing.  We do not put out a ton of books.  We don’t want to.  We are selective so that we can guide the book through the process.  New digital platforms have allowed creative persons to focus more on the process, on collaboration across the globe.  Our little press would not exist without this.  I can see us moving further to re-animate long-ignored or forgotten radical texts that could see new life as comic books. That continues to be our mission.

 

Chi ha avuto l’idea di re-immaginare il Manifesto del Partito Comunista come un fumetto?

È venuta a me mentre stavo provando a spiegare il concetto di lotta di classe ad un amico. Ho pensato che alcune tematiche del Manifesto si sarebbero prestate facilmente ad un formato a fumetti. C’è un gruppo perfido e una storia di fondo in cui i due avversari – la borghesia e il proletariato – sono venuti alla luce. C’è sfruttamento, violenza e poi, naturalmente, liberazione ed i campioni di un mondo migliore: i comunisti. Credo che il pamphlet fosse maturo per un adattamento a fumetti. Naturalmente l’obiettivo era comunicare agevolmente le idee di base per fare in modo che gli studenti si interessassero al lavoro di Marx.

È il primo esperimento di questo tipo?

No. Esiste una tradizione di libri a fumetti che derivano dall’adattamento di opere o biografie radical. Ad esempio oggi ci sono diverse biografie a fumetti su Che Guevara ed un adattamento a fumetti del Capitale in spagnolo. Red Quill ha pubblicato una versione manga del Capitale.

Perché un fumetto? A chi è destinato questo lavoro?

Soprattutto agli studenti ma anche a tutti quelli che semplicemente si divertono a comunicare idee con i libri a fumetti. La maggior parte delle persone che compra la graphic novel dice “fico!” e poi ti rendi conto che stanno leggendo Marx. Non abbiamo alterato il testo, lo abbiamo semplicemente rivisto e adattato. Nella versione completa del fumetto abbiamo incluso anche il testo originale del Manifesto.

Quante copie sono state vendute fino a questo momento?

Sicuramente è il nostro best seller e riceviamo ordini da ogni parte del mondo. A volte compagni e organizzazioni di lavoratori che vogliono fare un bel regalo ai loro amici o ai propri membri ci chiamano nel periodo natalizio.  Recentemente ho scoperto che gli attivisti del movimento Black Lives Matter a Brooklyn stanno usando la nostra graphic novel per avvicinare le persone all’opera di Marx. Sono davvero contento per questo.

Immagino che alla base di questo lavoro ci sia anche una necessità politica, quale? Su quali aspetti hai voluto mettere l’accento?

La necessità è rappresentata dalla natura dell’attuale crisi e dalla mancanza concreta di una visione alternativa per il futuro. L’applicazione bolscevica di Marx è stata ampiamente screditata per buone ragioni ma poi abbiamo completamente abbandonato il dibattito per un cambiamento programmatico. Oggi c’è un ritorno di interesse nei confronti di politiche alternative e Marx deve essere parte della discussione. Dal punto di vista tematico, la rivoluzione gioca un ruolo fondamentale nel linguaggio figurato del Manifesto illustrato, così come nell’originale.

È stato difficile trasferire l’essenza dell’opera di Marx in un fumetto?

Creativamente non credo sia stato particolarmente difficile per me. Come ho detto il libro si presta facilmente a questo adattamento. È stato davvero divertente e la tensione era soprattutto politica. Cosa ho enfatizzato? Come presenti le idee e cosa lasci fuori dall’appendice? Ci sono molte persone che avrebbero fatto delle scelte differenti.

Molte situazioni sono state attualizzate. Che metodo di lavoro hai seguito per scrivere la sceneggiatura? Qual è stato il passaggio nel testo più difficile da trasformare in fumetto?

Ho portato alla luce le parti di testo che pensavo fossero emblematiche per trasmettere il messaggio e che si prestavano ad una rappresentazione a fumetti. Poi ho organizzato il pensiero politico costruendo e ordinando una narrativa senza riscrivere il testo. Infine ho diviso il lavoro in quattro parti: materialismo storico, borghesia, proletariato e comunisti. È stato comunque difficile comunicare attraverso una singola immagine lo sfruttamento di centinaia di capitalisti e pre-capitalisti che ha condotto all’emancipazione comunista. Victor Serra, l’illustratore, ha seguito passo per passo il processo e sono orgoglioso del risultato finale.

Nella prima scena Marx si lamenta davanti alla sua tomba leggendo dei presunti crimini commessi in nome del comunismo. Non si salva nulla delle esperienze socialiste? Sto pensando ad esempio a Fidel Castro.

Sì è pensieroso e non offre risposte al vecchio rivoluzionario che sta perdendo la fede e viene a visitarlo. Questo perché il sentiero rivoluzionario è quello che gli serve per riconciliarsi. Credo ci sia molto da imparare dai fallimenti, o come preferisci chiamare quello che è rimasto sotto la parvenza del così chiamato comunismo. Non si può ignorare l’oppressione dello Stato ma sono d’accordo sul fatto che questi fallimenti ci devono insegnare a ragionare su nuove applicazioni. Cosa accadrà dopo Castro? Come avverrà la transizione da un sistema che ha meriti importanti ma che tuttavia ha messo la museruola al suo popolo? Senza coinvolgere Marx, credo che si permetterà agli avvoltoi aziendali e ai sicari dell’economia di calare su Cuba ancora una volta per farla a pezzi e impoverire il popolo. Non c’è risposta al di fuori di Marx.

Cosa puoi raccontarci del disegnatore Red Victor / Victor Serra? Perché hai scelto lui?

È fantastico. Abbiamo avuto un’ottima collaborazione, inizialmente lavorava per un’agenzia argentina. Mi piace il suo stile e la sua attenzione per i dettagli. Quando gli ho inviato le idee per le immagini, a volte le ha rifiutate perché mancavano di autenticità. “Quel modello di automobile è stato diffuso in Russia solo 10 anni dopo”, mi spiegava cose di questo tipo che nessun altro avrebbe potuto notare. Questo mi ha dato grande sicurezza; lavorando insieme sono diventato meno prescrittivo, ero felice di lasciare a lui le scelte creative. Victor era orgoglioso del suo lavoro e lo ha dimostrato.

Red Quill Book è un collettivo editoriale come funziona? A cosa state lavorando in questo momento?

Siamo sempre alla ricerca di nuove proposte adatte a noi. Continuiamo a pubblicare lavori accademici critici e fumetti radicali. Questo è quello per cui ci conoscono e non cambieremo. Non pubblichiamo tonnellate libri, non vogliamo questo. Siamo selettivi in modo tale da poter seguire il libro attraverso l’intero processo. Le nuove piattaforme digitali hanno permesso alle persone creative di concentrarsi di più sul processo e sulla collaborazione e la nostra piccola casa editrice non esisterebbe senza tutto questo. Riesco a vederci andare più lontano per ri-animare testi radical dimenticati e a lungo ignorati che potrebbero vedere una nuova vita come libri a fumetti. Questa continua ad essere la nostra missione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *